domenica 15 giugno 2008

turbellarie,tra soluzioni e disperazione

purtroppo e come sempre quando tutto gira per il verso giusto, qualcosa sotto sotto sta andando molto peggio.
ed ecco allora che per puro caso, ammirando quanto la vaschetta stia andando bene,vado a scoprire che ho ancora le turbellarie.
purtroppo l'animale più colpito è la mia prima acropora.si la prostratona è invasa da turbellarie.
cerco di non disperarmi e prendo la cosa con serenità sicuro di riuscire a farle fuori
levo fuori la prostrata e la immergo in una soluzione di acqua prelevata dalla vasca e betadine in misura di 3-5 ml per litro, per circa un quarto d'ora.
la mia sorpresa e la disperazione aumentano,non ce n'erano una o due ma decine e decine.
giro l'acroprora per vedere se ci sono anche loro,la cosa più temibile,le uova.
centinaia... decine di gruppi di palline arancio.
mi armo di coltello e inizia la parte per me più dolorosa. iniziare a tagliare la prostatona.
ho un'affetto per quell'acropora che ha dell'indicibile.
ne avevo fatto solo due frammenti,uno per caso di circa un centimetro e uno di 2-3 cm.
uno per Roberto,uno per Marco.
chiudo gli occhi faccio pressione ...stack... un ramo,lo controllo...pulito.stack.un'altro e un'altro ancora.finche tra le mani mi rimane solo la base.Viva.per me anche grande,piena di polipi,ma anche di uova.
non posso salvare altro.prendo coraggio e lo lavo sotto acqua corrente,per evitare di pensare di rimetterlo in vasca.
rilevo tutti i pezzettini e li incollo su una roccetta.
la mia prostratona non c'è più.neanche le turbellarie... per ora..
faccio un rapido controllo delle altre talee...niente per un po... finche non trovo un'altro ammasso arancione sotto la tabulare.ma questa volta ho asportato solo la parte con le uova con un bisturi.
betadine... e di nuovo in vasca.
per ora spero. tra qualche tempo,ripeterò l'operazione.

domenica triste,molto triste per me.

come accorgersi della presenza delle turbellarie?

la turbellaria è praticamente trasparente,con un corpo piattissimo e quindi di forma variabile.
questo fa si che non lo si vede su un'acropora,in quanto riesce a prendere quasi il colore dell'animale. in genere appare come leggermente più marroncino del colore dell'acropora
il parassita passa spesso inosservato, in quanto se l'Acropora è in salute,una sola turbellaria non può ucciderlo.ma morde il suo tessuto e lascia appunto il segno dei morsi.
piccoli puntini poco più chiari del colore dell'acropora sono segno di turbellarie.

le turbellarie fanno le uova solo sotto lo scheletro morto dell'acropora.
basta levare fuori dall'acquario l'acropora e osservare molto attentamente se ci sono piccoli agglomerati di uova.
le uova sono pressochè immortali.quindi o asportate tutta la base e tenete la parte sana del corallo,oppure asportate,portando via parte dello scheletro,tutto l'agglomerato di uova.




soluzioni: levare il corallo per intero prestando attenzione a non fare movimenti bruschi e spegnendo le pompe di modo che nessuna turbellaria riesca a staccarsi.
immergere il corallo in una soluzione di acqua della vasca e betadine ( acquistabile in farmacia) in rapporto un litro d'acqua/3-5ml di betadine.
risciaquare fortemente l'acropora di modo da garantirci che tutte le turbellarie siano staccate.
esaminare per bene il corallo. a volte dopo il bagno in betadine,la turbellaria assume un colore biancastro.

esamininare per bene le parti sottostanti del corallo,in generale tutte le parti dove ci sia scheletro nudo.eventualmente asportando come sopra con un bisturi o taleando l'animale ben più sopra la parte infestata da uova.
ripetere l'operazione,e qui purtroppo non conoscendo il ciclo vitale del parassita,non saprei dirvi ogni quanto.
io per precauzione ripeterò l'operazione settimanalmente,al fine di debellare per sempre questo pericoloso parassita.
se qualche visitatore conosce rimedi alternativi,o legge qualche mio errore è ben gradito un commento,al fine di poter eliminare questo parassita sia dalla mia sia da tutte le vasche in cui va ad insinuarsi.
ricordiamoci poi che le turbellarie colpiscono solo ed esclusivamente il genere Acropora,quindi Seriatopora,Poccillopora,Montipora ecc non sono a rischio e prosperano benissimo in una vasca affetta da Turbellarie

le foto sono in formato originale di modo da poterle vedere meglio. se ci cliccate sopra si apriranno in alta risoluzione.

potete anche trovare un'ottimo articolo sulle turbellarie qui: articolo sulle turbellarie reefitalia magazine

5 commenti:

Marco ha detto...

Michè mi dispiace, tanto, ma conoscendoti sono sicuro che da questo incidente trarrai solo insegnamenti. Complimenti per l'articolo.

Danilo ha detto...

Bellissimo articolo, purtroppo nato in un momento sfortunato per la vasca.

Devo dire che, merito o meno della nuova macchina digitale, le foto sono di un alto livello... ed infine... complimenti per il nuovo layout del sito nonché per la nuova foto introduttiva, ben più bella e spettacolare di quella precedente.

Complimenti!

Danilo
www.DaniReef.com

misce80 ha detto...

grazie Marco, spero che tu no mi stia soppravalutando e quel che dici sia vero. purtroppo c'è sempre da imparare e questa per me sarà una dura lezione.
grazie danilo la prima foto è meno recente,le altre sono fatte con la canon e effettivamente inizio a prenderci la mano, ma ancora il bilanciamento non va...
il nuovo layout è tutto merito di Lalla,un'amicona di cui puoi leggere il blog nella lista amici.
io speriamo che me la cavo ...diceva...

Poffo ha detto...

solo un consiglio sul bagno in betadine.
conviene mettere l'acropora dopo il bagnetto di circa 20 minuti,in un secchio vuoto e far cadere l'acqua con il betadine da una certa altezza sull'animale,le turbellarie si staccheranno davvero tutte.A volte scuotendo soltanto l'animale non vengono via tutte e siccome il betadine non le uccide ma le stordisce,potrebbero ripresentarsi.
potete provare a scrollare e vedere quante ne escono,ma se poi fate la prova del secchio,e cioè far cadere l'acqua dall'alto con una certa forza,sono sicuro che ne troverete ancora....ciauzzzzzz e complimenti per il sito ;)

Anonimo ha detto...

Looks like you are an expert in this field, you really got some great points there, thanks.

- Robson